25 dicembre, 2009

RIFLESSI D'AMORE


Domenica 27 dicembre alle ore 18,30 nei locali della Galleria Roma
di via Maestranza 110 Siracusa,
Tommaso Cimino presenterà il volume di poesie RIFLESSI D'AMORE di Amedeo Nicotra, interverrà Maria Teresa Asaro.
Durante la serata saranno recitate alcune poesie del libro


Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

http://www.galleriaroma.it/

20 dicembre, 2009

MOSTRA COLLETTIVA


MOSTRA COLLETTIVA

Come sempre Galleria Roma mette a disposizione dei soci il suo prestigioso spazio espositivo per la collettiva di fine anno.
Inaugurazione mercoledì 23 dicembre alle ore 18,30

artisti partecipanti:
Adorno Enrico, Alessi Laura, Accolla Salvatore, Bevilacqua Gianfranco, Benintende Nello, Bialecka Anna, Cassone Marika, Cozgala Grazyna, Cascieri Fiorella, Fortuna Rosario, Floriddia Angela, Floriddia Francesco, Giaracca Vittorio, Giardina Giuseppe, Garro Umberto, Li Puma Salvatore, Leanza Marisa, Nicotra Valentina, Nicotra Amedeo,Nobile Francesca, Nomiya Tomie ,Perticone Giacomo, Pugliara Palma, Salustro Maria, Scarnato Benito, Sanfilippo Elisabetta.
Organizzazione e Direzione Artistica: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

16 dicembre, 2009

AREE PROTETTE DEL SIRACUSANO


Giovedì 17 dicembre 2009
AREE PROTETTE DEL SIRACUSANO
conferenza
Ore 18:30

Galleria Roma - Via delle Maestranze 110 Siracusa
Relatore Prof. Fabio Morreale
Presidente Natura Sicula onlus

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com


http://www.galleriaroma.it/

10 dicembre, 2009

PAESAGGIO IN-VASO


Sabato 12 dicembre alle ore 18,30 nei locali della GalleriaRoma Salvo Sequenzia presenta la mostra personale di Rosario Fortuna
PAESAGGIO IN-VASO

INVASI DA PROFUSA BELLEZZA

Appunti per una lettura della mostra Paesaggio invaso di Rosario Fortuna

Dalla Sicilia, da quella porzione separata e solitaria di mondo, Rosario Fortuna osserva e ricongiunge, attraverso una originale ed eccentrica vicenda artistica, «il tragico e lo stupendo del nostro essere non-essere qui sulla terra».
Un vero artista è sempre se stesso, ed è riconoscibile come tale; e, al contempo, è sempre diverso, in evoluzione, mai ripetitivo – viaggiatore, peregrinus alla strenua ricerca del segno e del senso – capace sempre di arricchirsi tentando nuove esperienze. Aprendo varchi.
La fisionomia artistica di Rosario Fortuna si caratterizza per tale dinamismo prepotente, oscillante di continuo tra il drammatico, l’ironico e il poetico.
La raccolta qui presentata – Paesaggio invaso - riguarda una parte dell'ultima produzione dell’artista.
L’artista qui abbraccia l'espressività più vitale nei suoi miti di paesaggi-simboli, attrattivi, stupefacenti, spiati come interiorità privilegiante dal senso imminente dell'accadimento. Dentro l'immensità naturale, feconda di processi metamorfici, di ritmi codificati in procedimenti costanti e sempre nuovi, presagiti, sbocciati in segreto, amplificati nella rivelazione epifanica, che nell'orchestrazione dei ritmi delle stagioni serba il leit-motiv di quel suono silenzioso e sottile rivelatore dello spirito che feconda tutte le esistenze, il pittore si ritrova visitatore e guida: la sua poesia impegna a non smemorarsi della vita.
Nella coerenza espressiva, mai messa da parte, possiamo identificare una vivace e variata evoluzione rispetto agli attributi primordiali della sua cifra stilistica, unita alla sperimentazione della pittura su superficie curva.
Una pittura eccentrica, “invasata”, quella che Rosario Fortuna dispiega nel suo ultimo ciclo pittorico.
Dalla penombra di questa pittura, dal suo cavo grembo, s'innalza la struttura sinuosa della forma, la materia fittile si fa malleabile nelle sue mani, e le sensazioni percettive di forme e cromìe conturbano, pronte a trarre la trama dei pensieri.........
Salvo Sequenzia

Orario di Apertura:
dal martedì alla domenica 17,00 - 20,30

Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

07 dicembre, 2009

Santa Lucia

Santa Lucia - leggende e fiabe

Giovedì 10 dicembre alle ore 18,30 nei locali della Galleria Roma di via Maestranza 110 Siracusa, la prof.ssa Mariarosa Malesani parlerà di Santa Lucia - leggende e fiabe.

Un viaggio tra le devozioni per la Santa siracusana molto amata nel mondo; vicina ai grandi e ai bambini, che la conoscono come portatrice di doni.
Santa Lucia al posto delle renne ha un asinello a significare che è una Santa domestica, vicina agli umili e ai semplici.
Manifestazioni, usanze, racconti ci vengono da tutto il mondo ed è interessante vedere come la santa siciliana viene raffigurata in mezzo alla neve o alle palme o con abiti orientaleggianti.
Certamente Santa Lucia compie ogni anno compie il miracolo di mantenere aperta nei cuori di grandi e piccini una finestrella attraverso la quale guardare al mistero e al divino. A dispetto del nuovo, tecnologico e multimediale, millennio.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

30 novembre, 2009

L'altro sole


La S.V. è invitata a partecipare alla presentazione della raccolta di racconti
L'altro Sole
di Turi Volanti

Edizioni Emanuele Romeo

Introduce: Sebastiano Amato
Interviene: Salvatore Failla
voce recitante: Michele Dell'Utri

saranno presenti l'autore e l'editore

venerdì 4 dicembre ore17,30
Sala conferenze di Palazzo Impellizzeri
via Maestranza 99 Siracusa


Leggere questa silloge di racconti equivale a fare un tuffo nel passato, aprire squarci di luce nella memoria e riportare a galla frammenti ancestrali di un tempo perduto. Turi Volanti ha una scrittura visiva, quasi cinematografica, non ricorre a orpelli ma racconta, racconta con grande capacità affabulatoria, estraendo flash back strappati ai suoi momenti di vita vissuta. A volte istintuali, altre irriverenti o animati da un carattere trasgressivo e visionario (Pantalica attraversata col trenino, sotto un cielo squassato da lampi e tuoni, metafora dell'inferno). Spesso Volanti si abbandona a ricordi lirici, estremamente suggestivi, che suscitano tenerezza: ...deduco che in vita sua non aveva mai sorriso. Non ha conosciuto la tenerezza e l'ironia del sorriso. Non sapeva sorridere, non ha mai saputo sorridere, e tantomeno ridere, mio padre. Ciò mi dice molto, mi fa riflettere, mi chiedo se può avere un uomo siffatto un viso di pietra e un cuore di fanciullo. Così ricordo, così l'ho sempre ricordato, così voglio ricordare, il mio burbero, collerico, tenerissimo padre......
Salvo Zappulla

28 novembre, 2009

Michelangiolo

galleriaRoma
via Maestranza 110
Siracusa

Michelangiolo
tra poesia e letteratura


E’ il titolo della conversazione che si terrà Giovedì 3 Dicembre presso i locali della Galleria Roma di Siracusa al 110 di via Maestranza. Relatore dell’incontro sarà il Prof. Giovanni Ierna che svilupperà alcune problematiche inerenti alla personalità poetica di Michelangelo. Dopo un breve excursus sulla contrastata fortuna critica del sommo artista, si presenteranno alcuni testi tratti dalle Rime di Michelangelo.

Scheda tecnica

Oggetto: Incontro Culturale
Titolo:"Michelangiolo - tra poesia e letteratura"
Relatore: Giovanni Ierna
Presentazione: Salvatore Rapisarda
Luogo: via Maestranza 110 Siracusa
Data: 3 dicembre 2009
Ore: 18,30

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

23 novembre, 2009

PUNTO DI VISTA


“Punto di vista” – Carte camoscio e plotter

Da padre in figlio. Attraverso le accurate immagini di Enzo e Alessandro Monica il racconto di un confronto generazionale sulla fotografia. Lo stile e la tecnica di due universi comunicativi separati solo dal tempo.

Due “generazioni a confronto” sul piano dello stile e della tecnica fotografica sviluppati nel segmento temporale che va dai primi anni ’70 ad oggi (ben quarant’anni di evoluzione della fotografia), le cui accelerazioni tecnologiche e sociali difficilmente lasciano intersecare i metodi e le motivazioni di due personalità creative formatesi rispettivamente all’inizio e alla fine di questo periodo. Dal romantico linguaggio in bianco e nero in stile Cartier Bresson e quindi dei pionieri del reportage, alla fotografia digitale globalizzata ed esentata dai limiti della chimica, della tecnica e dei supporti.

Sabato 28 novembre 2009 alle ore 18,30 si inaugurerà presso la Galleria Roma di via Maestranza 110 la mostra di fotografia di Enzo e Alessandro Monica, rispettivamente padre e figlio, accomunati in quest’occasione dalla contemporanea presenza dei loro scatti fotografici sulle pareti di uno spazio espositivo.

Oggetto: Mostra fotografica
Titolo:"Punto di Vista "
Autori: Enzo e Alessandro Monica
Presentazione: Salvatore Zito
Luogo: via Maestranza 110 Siracusa
Data: 28 novembre 8 dicembre 2009
Inaugurazione: 28 novembre 2009 ore: 18,30
Orario di Apertura:
dal martedì alla domenica 17,30 - 20,30

Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

21 novembre, 2009

ARTE E MATEMATICA


Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
per i giovedì della galleria

arte e matematica
a cura di: Salvatore Rapisarda


Giovedì 26 novembre alle ore 18,30 presso i locali della Galleria Roma quarto ed ultimo incontro sul tema "ARTE E MATEMATICA " a cura dell'architetto Salvatore Rapisarda.

Direzione: Luigi Amato
Organizzazione: Corrado Brancato
Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

http://www.galleriaroma.it/

19 novembre, 2009

COLLETTIVA DI PITTURA


Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
COLLETTIVA DI PITTURA
18/26 novembre
Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

www.galleriaroma.it

15 novembre, 2009





Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
per i giovedì della galleria
Salvatore Di Pietro il dialetto siciliano
a cura di Corrado Di Pietro
19 novembre ore 18,30
Il primo ciclo di ‘lezioni poetiche’ indetto dalla nostra Galleria si conclude con una lezione di Corrado Di Pietro su uno dei più illustri poeti siciliani del secondo novecento: Salvatore Di Pietro (Pachino 1906 – Viterbo 1990).
« … Il primo, originario principio della ricerca poetica e morale di Salvatore Di Pietro sta proprio nella relazione fra l’uomo e la natura, fra l’idea e l’universo, fra la morte dell’uomo e il divenire del creato. È il primo più naturale atteggiamento religioso del poeta pachinese.
In questa dialettica solo apparentemente fantastica o metafisica dell’uomo con la natura si svolge una poetica che oscilla fra un realismo d’impronta patriarcale e un impressionismo cromatico, reso sul filo di una emotività discreta ma appassionata e sentita. … Solo immergendosi nel reale e nel suo tempo il poeta ne comprende gli umori e i caratteri, li fa suoi e li dispone come tessere nel suo mosaico ideale dell’avventura umana.
Ecco alcune di queste tessere. La dimensione del lavoro e della fatica si carica della simbologia cristiana: la croce, la Trinità, l’ostia consacrata, i santi, la preghiera; la croce diventa aratro e misura della vita umana; la Trinità diventa il ciclo primario dell’esistenza; l’ostia è il pane santificato del lavoro, il santo è la proiezione della nostra fede; la preghiera infine è il palpito dell’universo che pulsa nell’uomo e nel creato.
L’insegnamento morale del Di Pietro scaturisce da una saggezza antica, dalla sapienza di un popolo, quello siciliano, che ha raggiunto, per le sue vicissitudine storiche, profondità di pensiero e ricchezza di immagini quasi bibliche.» (Corrado Di Pietro)

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

Salvatore Di Pietro




Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
per i giovedì della galleria
Salvatore Di Pietro il dialetto siciliano
a cura di Corrado Di Pietro
19 novembre ore 18,30
Il primo ciclo di ‘lezioni poetiche’ indetto dalla nostra Galleria si conclude con una lezione di Corrado Di Pietro su uno dei più illustri poeti siciliani del secondo novecento: Salvatore Di Pietro (Pachino 1906 – Viterbo 1990).
« … Il primo, originario principio della ricerca poetica e morale di Salvatore Di Pietro sta proprio nella relazione fra l’uomo e la natura, fra l’idea e l’universo, fra la morte dell’uomo e il divenire del creato. È il primo più naturale atteggiamento religioso del poeta pachinese.
In questa dialettica solo apparentemente fantastica o metafisica dell’uomo con la natura si svolge una poetica che oscilla fra un realismo d’impronta patriarcale e un impressionismo cromatico, reso sul filo di una emotività discreta ma appassionata e sentita. … Solo immergendosi nel reale e nel suo tempo il poeta ne comprende gli umori e i caratteri, li fa suoi e li dispone come tessere nel suo mosaico ideale dell’avventura umana.
Ecco alcune di queste tessere. La dimensione del lavoro e della fatica si carica della simbologia cristiana: la croce, la Trinità, l’ostia consacrata, i santi, la preghiera; la croce diventa aratro e misura della vita umana; la Trinità diventa il ciclo primario dell’esistenza; l’ostia è il pane santificato del lavoro, il santo è la proiezione della nostra fede; la preghiera infine è il palpito dell’universo che pulsa nell’uomo e nel creato.
L’insegnamento morale del Di Pietro scaturisce da una saggezza antica, dalla sapienza di un popolo, quello siciliano, che ha raggiunto, per le sue vicissitudine storiche, profondità di pensiero e ricchezza di immagini quasi bibliche.» (Corrado Di Pietro)

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

13 novembre, 2009

UNA POESIA PER L'ABRUZZO




UNA POESIA PER L'ABRUZZO
Sabato 14 Novembre alle ore 18:30 presso i locali della Galleria Roma di via Maestranza 110, avrà luogo la presentazione dell’antologia poetica, “Poesie per l’Abruzzo”, a cura della poetessa Veronica Giuseppina Billone, Presidente dell’Associazione culturale e Artistica “Scuola Poetica di Struttura Nuova” e del poeta Rocco Fidale. Al termine della presentazione saranno lette alcune poesie contenute nel libro dal poeta siracusano Marco Veneziano, dalla poetessa Maria Luisa Riccioli e dalla stessa Billone. Il ricavato delle vendite sarà devoluto all’orfanotrofio di San Gregorio dell’Aquila.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

07 novembre, 2009

GLI ALAGONA A SIRACUSA



Giovedì 12 novembre alle ore 18,30 presso la Galleria Roma
GLI ALAGONA A SIRACUSA
a cura della prof.ssa Mariarosa Malesani

Una famiglia che segnò la storia della città di Siracusa: ottimi uomini di governo o avidi di denaro e potere? Corsari del re o pirati?
Imprese che resero gli Alagona famosi in ogni tempo.
Uomini d'arme, costruttori di opere di difesa, ma anche divulgatori di cultura e di fede.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

31 ottobre, 2009

VISTI DA FRANÇOIS TRUFFAUT IL CINEMA PSICOPEDAGOGICO DI FRANÇOIS TRUFFAUT




VISTI DA FRANÇOIS TRUFFAUT
IL CINEMA PSICOPEDAGOGICO DI FRANÇOIS TRUFFAUT

Giovedì 5 novembre alle ore 18,30 presso i locali di Galleria Roma via Maestranza 110 Siracusa Francesco D'Isa parlerà di François Truffaut critico cinematografico.

François Truffaut manifesta un'attenzione analitica ai problemi - gioie e dolori - dell'età evolutiva sin dal suo cortometraggio, Les mistons, 1957, in cui - sono le sue parole - "mi ero reso conto che preferivo dirigere i ragazzi piuttosto che gli adulti". Più dolori che gioie - o comunque gioie molto latenti - che si traducono nel titolo italiano, "L'età difficile".
Nel corso dell'incontro saranno proiettati spezzoni di film, corredati da brevi interventi a commento, Agli intervenuti saranno distribuiti opuscoli concernenti i film in questione, che, sono in qualche modo inquadrabili nei gusti critici del regista francese François Truffaut, che nel corso degli anni cinquanta era un critico cinematografico.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

28 ottobre, 2009

SALVATORE ACCOLLA



Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
Salvatore Accolla
mostra personale
31 ottobre -10 novembre

Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

www.galleriaroma.it

25 ottobre, 2009

Dalle lettere a Theo a “ I mangiatori di patate “



Vincent Van Gogh
1880 -1885

Dalle lettere a Theo a “ I mangiatori di patate “
E’ il titolo della conversazione che si terrà Giovedì 29 Ottobre presso i locali della Galleria Roma di Siracusa al 110 di via Maestranza. Relatore dell’incontro sarà il Prof. Giovanni Ierna che svilupperà alcuni temi circa la formazione artistica di Vincent Van Gogh, relativi al periodo 1880 - 1885 vissuto dall’artista con intensità di ricerca e volontà di risultati negli ambienti degli umili e dei diseredati contadini, minatori, operai. Attraverso alcuni testi critici e autografi si vorrà porre in evidenza l’esito della prima fase pittorica dell’autore.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

www.galleriaroma.it

19 ottobre, 2009

Corrado Di Pietro legge "Lettera alla madre" di Salvatore Quasimodo




Galleria Roma
Giovedì 22 ottobre alle ore 18,30 Corrado Di Pietro legge "Lettera alla madre" di Salvatore Quasimodo

Il 12 dicembre 1959 fu conferito a Salvatore Quasimodo il Premio Nobel per la letteratura.
La Galleria Roma vuole ricordare quest’evento con la riproposizione di una delle sue poesie più famose, quella “Lettera alla madre” che rappresenta uno dei momenti più alti della poetica quasimodea e una delle ‘lettere’ più intense e affettuose della nostra poesia.
Quasimodo (Modica 1901 – Napoli 1968) fu uno dei precursori dell’ermetismo poetico, quella corrente letteraria che si sviluppò in Italia negli anni 20-30 e che ebbe come protagonisti, oltre al poeta siciliano, anche Montale e Ungaretti. L’ermetismo auspicava una poesia essenziale, intrisa di un forte senso della parola, senza orpelli ortografici e senza ridondanti aggettivazioni. Una poesia chiusa nel significato e libera nella struttura stilistica, quasi prosastica ma fortemente pensata ed espulsa come in un parto travagliato e doloroso. E dolorosa è anche la visione del mondo di questi poeti, usciti dalla grande guerra con il fardello di pene e di drammi individuali e collettivi. Quasimodo ha però due universi dai quali può alimentare le sue speranze: il primo è costituito dall’intimo rapporto fra terra-madre-mito; il secondo è rappresentato dalla sua fede religiosa: un Dio buono, vicino, padre che ama e che salva.
“Lettera alla madre” è un monologo di affetti e di confessioni, un ritorno sentimentale e spirituale a quel primo universo che abbiamo citato.


Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria17,30-20,30
escluso il lunedì)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

16 ottobre, 2009

L’ineffabile staticità



Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
Luigi Amato presenta
L'Ineffabile staticità
personale di pittura di Palmira Pugliara
17/27 ottobre


Sabato 17 Ottobre alle ore 1830, il professore Luigi Amato presenta la mostra personale di Palmira Pugliara

L’ineffabile staticità materia delle figure di Palma Pugliara ci collega in presa diretta con il mondo post-globale, con la realtà incomprensibile di questi strani giorni dove i punti di riferimento tradizionali scompaiono e riaffiorano come fiumi carsici.
Materia che emerge dalla figura, realtà raffigurata e raffigurante, inquieta ed inquietante.
Il linguaggio pittorico dell’artista si dipana tra citazioni e lampi introspettivi in un crescendo di figure che affollano un universo parallelo specchio fedele delle crisi quotidiane individuali e collettive.
Antinomie e simboli risaltano dalla tela alla realtà bruciando ritmi e consuetudini, asserzioni e paradigmi, l’artista opera a dispetto di consuetudini e luoghi comuni.
E parla, arringa un pubblico disperso, dubbioso davanti all’arte contemporanea e agli avvenimenti.
Un tempo strano ci pervade, inutile e veloce, devastante ed onirico al tempo stesso.
Colori e materia, ritmo e sonno, figure fuori dal flusso del tempo che sconvolge ogni cosa, figure che dal passato si collocano in un futuro impossibile.
Assedio dell’anima provocato dal turbinio della vita contemporanea, chi può controllare che cosa.
Tutto accade.
A dispetto della volontà terrena che spesso autovanifica propositi e certezze.
Palma Pugliara trascina il fruitore in una dimensione parallela e complessa dove per un attimo i confini di realtà e sogno si dissolvono e le figure prendono parola.

Prof. Luigi Amato
Docente di Estetica Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria

Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato


Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

www.galleriaroma.it

14 ottobre, 2009

"LA CONQUISTA E LA DOMINAZIONE NORMANNA DI SIRACUSA"



Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
per i giovedì della galleria


Giovedì 15 ottobre alle ore 18,30 presso la Galleria Roma
"LA CONQUISTA E LA DOMINAZIONE NORMANNA DI SIRACUSA"
a cura della prof.ssa Mariarosa Malesani
Il Gran Conte Ruggero d'Altavilla e i suoi figli.
Quale parallelo possiamo fare tra il Gran Conte e Federico II che sembra quasi il continuatore delle sue idee sul modo di governare.
Interessante lettura di un periodo poco conosciuto della storia di Siracusa e della provincia.
Quali cambiamenti portarono nell'organizzazione statale, nella utilizzazione delle risorse del territorio e soprattutto nella integrazione di più culture?
Quali testimonianze ci rimangono del loro dominio?

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

08 ottobre, 2009

Recital di poesie




Sabato 10 Ottobre nei locali della Galleria Roma di Via Maestranza 110, si terrà un recital di poesie, a cura del poeta siracusano Marco Veneziano. Già noto a livello nazionale per aver partecipato e vinto parecchi concorsi, tra i quali si citano: Il “Premio città di Superga”; La “Maschera e la Pergamena d’oro” città di Adrano, e secondo classificato al concorso di poesia in lingua occitana e italiana di Imperia; inaugurazione ad Adrano dell’ “Art Festival International” una rassegna internazionale di arte visiva e letteraria, al quale Marco Veneziano ha partecipato con lettura e recita di alcune sue liriche e una sua interpretazione personale di alcuni canti delle “Divina Commedia” di Dante Alighieri, il nostro poeta per la prima volta si esibisce nella sua città. La serata che avrà inizio alle ore 18:30 sarà un’alternarsi di musica e lettura di liriche varie del poeta. La serata si concluderà con l'intervento di Maddalena Stoli che leggerà alcune sue poesie.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

07 ottobre, 2009

MATEMATICA E ARTE 3° incontro




MATEMATICA E ARTE 3° incontro
A cura di SALVATORE RAPISARDA


I rapporti tra la matematica e l'arte: opere famose che hanno preso spunto dalla matematica, opere di matematici e artisti, riflessioni su matematica e arte, dall'arte classica a quella moderna, considerazioni sui due processi di astrazione dell'uomo.
Se la matematica è un modo di scoprire e rappresentare la realtà attraverso un processo di astrazione dell'ordine immanente nella natura, per giungere ad una sua razionale rappresentazione, si può dire che si avvicina all'arte nel momento in cui diventa espressione del soggetto che ricostruisce la realtà secondo le sue intime leggi.
L'architetto Salvatore Rapisarda insegnante di Storia dell'arte nei licei, esporrà alcuni lineamenti concettuali e strumentali di questo atavico rapporto.
Un tentativo di confronto tra il mondo della scienza matematica e l'arte, tra rapporti di grandezze, edificazione architettonica e rappresentazione figurativa artistica.
L'esposizione vorrà sinteticamente affrontare alcuni elementi cognitivi attraverso l'evoluzione del pensiero matematico antico e moderno nelle varie applicazioni delle regole compositive.
Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

05 ottobre, 2009

Unità d'Italia: un anniversario tra storia e attualità




Unità d'Italia: un anniversario tra storia e attualità
Martedì 6 Ottobre ore 18.30 presso la Galleria Roma avrà inizio un ciclo di incontri in collaborazione con il Comitato di Siracusa dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano aventi come oggetto l’Unità d’Italia e il Risorgimento alla vigilia dell’importante anniversario dei centocinquanta anni. Il primo incontro dal titolo Unità d’Italia: un anniversario tra storia e attualità avrà come relatori il prof. Salvatore Santuccio docente presso l’Università di Reggio Calabria e l’avv. Fabio Rodante, coordinerà il prof. Luigi Amato presidente del Comitato di Siracusa dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano. Il Risorgimento spesso messo in discussione senza cognizione di causa e a fini estranei al dibattito storiografico è un punto fondante dell’identità nazionale. Il ciclo di incontri oltre a voler essere un momento di riflessione storiografica vuole fare il punto sullo stato di programmazione delle celebrazioni anche in Provincia di Siracusa. Un apposito incontro verrà dedicato nel mese di Gennaio del 2010 all’idea della creazione di un Museo del Risorgimento a Siracusa, idea proposta in passato e lasciata cadere nel dimenticatoio dalla politica.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero

Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

29 settembre, 2009

Verismo pittorico




Sabato 3 ottobre alle ore 18,30 nei locali della Galleria Roma la prof.ssa prof. Maria Teresa Asaro presenta la mostra antologica di Lidia De Santis

IL VERISMO PITTORICO DI LIDIA DE SANTIS:
LA RIVELAZIONE DELL’INCONSCIO OTTICO
NELLA PROSPETTIVA DELL’EIDOLON PLATONICO,
IMMAGINE INTESA COME LOGICA DELLA VERITA’.

L’ingrediente primario della produzione artistica di Lidia De Santis è l’essenzialità formale e cromatica, da cui sgorgano sia significative e simboliche figurazioni, sia la complessità della ricostruzione sulla tela, ottenuta con dosati accostamenti tonali dei colori, che si smorzano o si rinvigoriscono nel netto stagliarsi dei soggetti rappresentati, invitando il fruitore ad uscire dalla monade circolare del proprio microcosmo e respirare gli spazi misurati dalla forma e dal colore…L’artista vuole in tal caso illustrare il perché ed il come la realtà può apparire. La rappresentazione pittorica risulta dunque concepita come visione universale che diventa interiorità dell’Io, del personale, dell’ideale, del teosofico, espressione del poliedrico mondo interiore dell’artista. E’ èidolon, termine greco impiegato da Platone per designare l’immagine intesa come logica della verità: dietro l’immagine si disvelano la verità delle cose e i dettagli o aspetti della loro bellezza e natura costitutiva, dando così forma ad un inconsapevolmente concreto “inconscio ottico”.
La De Santis riesce sapientemente a dar vita ad un nodo strutturale tra reale, rappresentato e simbolico, sfuggendo alla frantumazione immaginaria prodotta dalla cultura dominante e “forgiando”, a guisa del demiurgo platonico, la realtà materiale ed oggettiva di cui siamo elemento costitutivo. “L’arte che è cosa mentale”, scrive Leonardo, “è da noi intesa come cosa attraversata dal linguaggio: e la sua adesione al reale è l’elemento che resiste alla deriva immaginaria”.
Possiamo affermare, dunque, che nelle tele della De Santis c’è lo snodarsi di un linguaggio artistico che si pone in atteggiamento di ascolto del Sé per meglio rappresentare un magistrale verismo pittorico racchiudente motivi visivi e razionali. Non passa inosservata la trasposizione delle forme e dei colori in libertà di pensiero, grazie a cui lo spirito rinasce e trova la sua facoltà di espressione, trasformando i simboli in messaggi. Spirito e Natura hegelianamente si identificano, il finito diventa infinito e si compie magicamente una ideale identificazione di artista e fruitore in una superiore unità metafisica, perché, come scrive Jacques Lacan,
“Il quadro, certo, è nel mio occhio. Ma io sono nel quadro”.
Maria Teresa Asaro
Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

26 settembre, 2009

Tonnare in provincia di Siracusa



Giovedì 1 ottobre alle ore 18,30 presso i locali della Galleria Roma il prof. Umberto Mario Garro parlerà delle Tonnare in provincia di Siracusa.

La tonnara di Siracusa (S. Panagia) risale a fine seicento, quando dopo il terremoto, la tonnara fu ricostruita ed ampliata. La storia di questa struttura parla di un passato glorioso, proprietà dei baroni Bonanno, Landolina, Trenzano, e dei marchesi Vico e Castellentini, era una tonnara di ritorno che lavorava fino a metà ottobre. Fu abbandonata negli anni cinquanta. Diverse le cause tra cui la minore quantità di pescato e il mare sempre più inquinato a causa dell’installazione delle industrie nella vicina zona industriale di contrada Targia e Priolo.
La tonnara di Vendicari detta anche Bafutu, ossia anticamente del Capo Bojuto, venne costruita nel Settecento in seguito al grande incremento che in Sicilia si era avuto nella concessione di tonnare a partire già dal Seicento.
Soggetta, a periodi di magra ed anche di totale chiusura a causa del suo scarso prodotto (vedi un provvedimento della capitaneria di porto di Catania del 12 febbraio 1884) venne parecchio condizionata dalla vicinanza di altre tonnare (Marzamemi e Pozzallo) più efficienti e meglio favorite da fattori ambientali
La tonnara di Marzamemi risale al tempo della dominazione degli arabi in Sicilia. Nel 1630 venne venduta dal proprietario al Principe di Villadorata. I Villadorata potenziarono i fabbricati della tonnara portando da Avola e da Siracusa degli abili carpentieri, che poi rimasero residenti a Marzamemi. Nel 1912 a Marzamemi fu costruito uno stabilimento per la lavorazione prima del tonno salato e successivamente del tonno all'olio. La pesca della tonnara fu abbondante fino al 1951, nel 1952 entrò in funzione la Rasiom di Augusta e cominciò il sensibile calo della pesca in tutte le tonnare che erano sette: Santa Panacia - Terruzza - Fontane Bianche - Avola - Bafuto Vendicari - Marzamemi e Capo Passero.


La Tonnara di Capo Passero costituisce uno splendido monumento di archeologia industriale. La loggia e lo stabilimento per la lavorazione del tonno, la grande fornace, i magazzini delle botti o del sale, la chiesa del XVII secolo: qui giungevano i tonni che, prima macellati e poi lavorati, hanno costituito nel corso dei secoli una importantissima risorsa economica per tutta la popolazione del luogo. Quando la tonnara era ancora in attività, già ai primi giorni del mese di marzo iniziavano i lavori di manutenzione delle grandi imbarcazioni di quercia, lunghe quasi venti metri, che, custodite in grandi magazzini durante il periodo invernale, venivano ora tirate fuori per " l'impeciatura " delle chiglie.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

24 settembre, 2009

La Provincia Racconta




Sabato 26 settembre alle ore 18,30 presso i locali della Galleria Roma di via Maestranza 110, Corrado Cartia presenterà il volume La Provincia Racconta
La Provincia racconta è tratta da "La nuova voce di Siracusa" e vuole essere una guida alla Storia sovracomunale di Siracusa
.

CORRADO CARTIA, giornalista, è nato a Siracusa nel 1941. Ha iniziato nel 1968 con Armando Greco pubblicando "Poeti di Ortigia" e collaborando all'Eco in Sicilia. Ha svolto attività di editore, assicuratore e diventa programmista-regista, informatore della RAI nonché giornalista televisivo, conduttore di programmi, e milita per diversi anni nel mondo del cinema, del teatro e della televisione. Dal 1987 ha diretto tv e radio locali nonché quotidiani di provincia e ha svolto numerosi uffici stampa. Ha iniziato l'attività di redattore televisivo a Roma nel 1975 presso Antenna 4 diretta dal famoso Padre Virginio Rotondi. Dal 1981 al 1994 ha lavorato per la RAI, settore radiofonia, come programmista regista per il "Notturno Italiano" e servizi giornalistici per l'estero. Fino al 1994 ha lavorato per RAI Sicilia come collaboratore dalla provincia di Siracusa. È stato anche componente della "Commissione Censura" presso il Ministero dello spettacolo e turismo di Roma per conto dell'UNUPADEC. Tornato in Sicilia nel 1987 ha lavorato per Telecolor, VideoSiracusa, Video-Regione, Tele Marte, Rei TV. Dal 1995 è stato nominato "Esperto per l'informazione" della Provincia Regionale di Siracusa, ha diretto "La Provincia di Siracusa" e si è occupato dell'Ufficio Stampa del consiglio provinciale di Siracusa fino al 31 ottobre 2005. Ha diretto anche il bollettino "Provincia Informa", il periodico "Tempo libero" e "Genia box". Ha svolto numerose iniziative nel campo degli uffici stampa per conto dei Comuni, delle Enti turistici siciliani, e della Provincia Regionale di Siracusa, Catania, Roma.
Ha pubblicato un libro di poesie, "L'incerto vive, un cuore chiuso per ferie" (Roma, ed. Croce, 1979), "Pezzi a memoria" (Siracusa 2003), "Vermexio racconta" (Siracusa 2006). Ha pubblicato inoltre 126 libri come editore. Si è interessato della famiglia Vittorini promuovendo e realizzando la intitolazione della stazione ferroviaria di Siracusa a Sebastiano Vittorini, padre dello scrittore Elio.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

http://www.galleriaroma.it/

20 settembre, 2009

La Moda come parte integrante del costume, anzi, costume essa stessa



La Moda come parte integrante del costume, anzi, costume essa stessa
giovedì 24 settembre alle ore 18,30 presso i locali della galleriaRoma, il dott. Ferdinando Risi parlerà dell' evoluzione stilistica del costume e dell’abbigliamento a partire dai Sumeri fino ai giorni nostri.


"La storia di questo particolare fenomeno offre un punto di osservazione privilegiato per studiare la confluenza di molti elementi: l'intreccio continuo tra l'evolversi della storia delle idee e quella del pensiero economico; le relazioni tra i cambiamenti del gusto, analizzati in chiave antropologica, e l'incidenza del progresso scientifico; il meccanismo di influenza reciproca che caratterizza l'attuale rapporto tra mass media e consumatori. Protezione, pudore, ornamento sono le tre motivazioni principali del vestirsi che si inseriscono in un sistema formale di segni organizzato in funzione normativa. Primo tra tutti quello della differenza fra i generi (maschi e femmine), enfatizzato dalla componente erotica, con la sua carica esibizionista e il desiderio di piacere. Il carattere di trasgressione ostentata, fondamentale nella manifestazione dei fenomeni di moda, trascina una carica di invito sessuale che travalica la semplice caratterizzazione di genere tipica dell'abbigliamento".

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

www.galleriaroma.it

17 settembre, 2009

Corso di pittura per bambini



Ludoteca
Viale Scala Greca 81
Corso di pittura per bambini
a cura di Francesca Nobile
Ottobre / Dicembre

info-0931.1853050

15 settembre, 2009

Parliamo di yoga





Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
per i giovedì della galleria

Parliamo di Yoga
a cura di Francesco Purpura
17 settembre ore 18,30

Giorno 17 settembre alle ore 18,30 Francesco Purpura studioso e profondo conoscitore di Yoga, parlerà di questa scienza rivolgendosi a tutti coloro (insegnanti, appassionati o semplici curiosi) che vogliono scoprire le diverse discipline di questa filosofia antica.
,....Dalle radici sanscrite yuj che significa "unione" o "vincolo", jugit ossia il giogo che si fissa sul collo dei buoi per attaccarli all’aratro, o jukta ossia le cinghie o le briglie che uniscono due o più cavalli un carro da trainare. Yoga indica l'insieme delle tecniche che consentono il congiungimento del corpo, della mente e dell'anima con Dio (o Paramatma), l'unione tra Jivatman (energia individuale) e Paramatman (energia universale). Colui che segue e pratica il cammino dello Yoga è chiamato yogi o yogin (le donne sono dette yogini).
Data: 17 settembre 2009
Ore: 18,30

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

14 settembre, 2009

galleriaRoma X i soci




galleriaRoma X i soci
Dopo la pausa estiva, la Galleria Roma è lieta di invitar Vi alla prima grande manifestazione di fine estate 2009

12-22 settembre Mostra collettiva di pittura scultura e fotografia riservata ai soci dell'Associazione Culturale Nuova Galleria Roma
inaugurazione sabato 12 settembre ore 18,30


artisti partecipanti:
Adorno Enrico, Alessi Laura, Accolla Salvatore, Bevilacqua Gianfranco, Benintende Nello, Bialecka Anna, Calì Gaspare, Cassone Marika, Cozgala Grazyna, Cascieri Fiorella, Fortuna Rosario, Floriddia Angela, Floriddia Francesco, Giaracca Vittorio, Garofalo Virginia, Giardina Giuseppe, Giudice Angelo, Garro Umberto, Latina Andrea, Li Puma Salvatore, Leanza Marisa,Lucca Vittorio, Mica Delio, Nicotra Valentina, Nicotra Amedeo, Nomiya Tomie ,Perticone Giacomo, Pugliara Palma, Salustro Maria, Scarnato Benito, Sanfilippo Elisabetta,

Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

www.galleriaroma.it

04 settembre, 2009

EBRAISMO e nutrizione




Giovedì 10 settembre alle ore 18,30 presso i locali della Galleria Roma di Siracusa, il Prof. Stefano di Mauro rabbino capo della comunità ebraica di Siracusa, parlerà su:
EBRAISMO e nutrizione

Il prof. Di Mauro dopo aver approfondito alcuni punti dei principi dell'Ebraismo, parlerà della Nutrizione e delle regole per gli alimenti della Cucina Ebraica.
La parola ebraica “Casher” indica il cibo conforme alle norme alimentari ebraiche.
Casherut (in ebraico כשרות, letteralmente adeguatezza) indica, nell'accezione comune, l'idoneità di un cibo ad essere consumato da un ebreo, in accordo alle regole alimentari della religione ebraica stabilite nella Torah, interpretate dall'esegesi nel Talmud e codificate nello Shulchan Aruch. Il cibo che risponde ai requisiti di casherut è definito casher (in ebraico כשר, letteralmente adatto). A causa della ricchezza delle leggi e della casistica corrispondente, per preparare un pasto Casher è necessaria una grande dimestichezza con le varie regole: è il motivo per il quale nei ristoranti Casher e negli stabilimenti industriali Casher si trova un sorvegliante (detto Shomèr o Mashghìach) che ha il compito di vegliare al loro rispetto a garantire al consumatore la Casherut del cibo.
Certi quadrupedi, uccelli e pesci sono proibiti e non si possono mangiare nello stesso momento cibi a base di carne con cibi a base di latte.

Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

23 agosto, 2009

8 settembre 2009 L'identità nazionale nel XXI° Secolo




Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
8 settembre 2009
L'identità nazionale nel XXI° Secolo

Relatori: prof.Fabrizio Maronta - prof Luigi Amato,
coordina Claudio Dipietro
martedì 8 settembre ore 18,30


Martedì 8 Settembre alle ore 18,30 presso la Galleria Roma di Via Maestranza a Siracusa si terrà la conferenza L’identità nazionale nel XXI secolo. I relatori saranno il prof. Luigi Amato docente ordinario di Estetica e presidente del Limes Club Siracusa e il dott. Fabrizio Maronta giornalista della redazione di Limes e di Repubblica. Coordinerà Claudio Dipietro segretario del Limes Club Siracusa. Nella data fortemente simbolica dell’otto settembre i relatori tenteranno un ragionamento sull’identità nazionale ormai rinata e consolidata che si misura non solo con le problematiche esterne come immigrazione e globalizzazione, ma anche con quelle interne come localismi, regionalismi e rinascenti separatismi. La discussione vuole superare i luoghi comuni di un passato finalmente in via di superamento e cerca di guardare finalmente al futuro, al ruolo dell’Italia in un scenario internazionale in continuo mutamento.



Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato


Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

22 luglio, 2009

Progetto, Arte Elettronica e Filosofia.



Galleria Roma

Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com
www.galleriaroma.it


Progetto, Arte Elettronica e Filosofia.
Intersezioni del pensiero progettuale contemporaneo
Giornata di Studio ed Esposizione de lalineabiancastudio
Ideazione e Direzione Scientifica prof. arch. Rosario Marrocco con il prof. Elio Cappuccio


Lalineabiancastudio (con sede a Berlino, Roma e Siracusa) Settore Sviluppo e Ricerca,
con il proprio Laboratorio Creativo SUPERFICIE e con la collaborazione del Collegio Siciliano di Filosofia ha ideato ed organizzato una Giornata di Studio ed una Mostra di 7+7(+1) Opere che intersecano ed attraversano Progetto, Arte Elettronica e Filosofia, innestando un cortocircuito che consente un dialogo ed uno studio ampio ed esteso non solo sul pensiero progettuale contemporaneo ma anche sulla sua forma_e_azione.
Inverventi di: Prof. Salvatore Amato, Dott.ssa Paola Argentino, Prof. Elio Cappuccio, Prof. Enrico Cocco, Prof. Roberto Fai, Siracusa, Presidente del Collegio Siciliano di Filosofia, Prof. arch. Rosario Marrocco(Fondatore e Direttore Scientifico de lalineabiancastudio).
Questa Giornata di Studio e questa Expo LLBS intendono tracciare un segno,
una linea che congiunge idee e pensieri visivi e sonori con quei pensieri che nascono da saperi e riflessioni filosofiche, riconoscendo così nella filosofia la madre ed il gene di tutte le forme del pensiero
da quelle visive a quelle del linguaggio.
Lalineabiancastudio parte dall’assunto che il prossimo futuro vedrà sempre più imponente
la determinazione di “Impurità creative”, la sovrapposizione di saperi e discipline, la globalizzazione della creatività al servizio della collettività e - attraverso ogni forma/pensiero ed azione – quest’ultima al servizio del singolo Individuo.
Le 7+7(+1) Opere in video presentate da lalineabiancastudio
sono incentrate sul rapporto tra il pensiero/concetto estetico (attraverso una specifica espressività visiva e/o sonora) ed una figurazione con una ben precisa identità progettuale:
da scenari e paesaggi urbani di città ad architetture dinamicamente mutevoli (video su progetti urbani ed architettonici) a vere e proprie invenzioni cinematografiche - frutto anche di complicità elettroniche (5 casi di video-art); da figurazioni bidimensionali a sculture tridimensionali come testimonianza della trasposizione dell’espressione tradizionale in una dimensione contemporanea ed essenziale
Opere di Eliana Strano,Marina Pacioni, Antonella Castellucci, Lucia Cardellini, Giulio Pompei, Carlo Pontoriero, Speranza Landi, Sofia Lakshmi Cesaratto, Maria Gioia Cirillo, Valeria Spampanato, Cristina Sismundo, Anna Magistrelli, Stefano Corona, Enrico Cocco e Rosario Marrocco
(R.M. luglio 2009)

Siracusa, Galleria Roma Arte Contemporanea, Via Maestranza 110
25 luglio ore 18:00-19:30 dibattito / ore 19:30 vernissage mostra (fino al 30 luglio 2009)

Info:
www.lalineabiancastudio.com
info@lalineabiancastudio.com
direzione@lalineabiancastudio.com
ufficiostampa@lalineabiancastudio.com


10 luglio, 2009

Mirage




Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa

11/21 luglio
Mirage
di Ramzi Harrabi

Anche quest'anno La Galleria Roma dedica al mondo arabo una serie di manifestazioni per far conoscere questa antica cultura che tanto ha dato a noi siciliani.

Sabato 11 luglio ore 18,30 inaugurazione della mostra di disegni calligrafici del pittore Ramzi Harrabi

Martedì 14 luglio ore 19,00 serata dedicata alla poesia araba

Giovedì 16 luglio ore 19,00 workshop di varie tecniche aperto ad artisti e amanti dell'arte

Venerdì 18 luglio ore 19,00 proiezione del film documentario diretto da Ramzi Harrabi " MIRAGE"


Ramzi Harrabi vive da diversi anni a Siracusa e lavora presso The Mediterranean Center for Arts and Sciences come docente d'arabo.
L'artista arabo, dopo numerose apparizioni a livello regionale, come il Festival Sonica (PA)con la band Catanese IPercussonici, MedFest (Buccheri), Festival del Mediterraneo (Pozzallo) ed il ComPa di Bologna (rappresentando la Provincia di Siracusa) Caltagirone (Museo civico), Catania (cortile platamone).
A lui e stato affidato l'incarico di ricevere la nave della pace a Siracusa con la partecipazione dell'Istituto Internazionale del Teatro. Dal giorno in cui è iniziata la guerra in Iraq I'artista tunisino partecipa in tante manifestazioni come cantante, come poeta e come pittore ma anche come semplice extracomunitario che cerca d'essere ascoltato. Ramzi ha organizzato incontri con artisti di altre culture ed altre nazione, favorendo la cultura del dialogo e tutto questo è sfociato nei due musical scritti e diretto da lui ''L'Arabia confusa " e" Identità di Siracusa".
Ha inoltre diretto sulle scalinate del Duomo di Siracusa con musicisti di tutti i continenti il concerto dell' 11 settembre 2004 e pure il concerto internazionale per la pace il 19 marzo 2005(ethnic feeling), in ricordo delle vittime del terrorismo e della guerra. A proposito di pace, Ramzi a partecipato al concerto “Voglia di Pace” insieme al soprano Katia Ricciarelli, al Teatro Odeon di Lentini(sr), dove ha fatto 2 duetti insieme al soprano e in più un suo repertorio.
nel 2004 vieni segnalato come poeta nel concorso nazionale di poesia araba nel 2006 ricevi il secondo premio europeo al Tindari european festival
nel 2008 vieni premiato con menzione speciale nel premio euro mediterraneo per il dialogo interculturale .

Organizzazione e
Direzione Artistica: Corrado Brancato


Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

25 giugno, 2009

"Il SENSO" di Francesca Nicolò




Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
Francesca Nicolò
IL SENSO
opere recenti
27 giugno 7 luglio

Sabato 27 giugno alle ore 18,30 presso i locali della Galleria Roma sarà inaugurata la mostra di pittura "Il SENSO" di Francesca Nicolò
Il nome di Francesca Nicolò comincia a diventare familiare a chi frequenta l'ambiente artistico siracusano.
Francesca Nicolò sebbene abiti a Reggio Calabria, è socia dell'Associazione Culturale Nuova Galleria Roma e in quanto tale da più di un anno partecipa a tutte le collettive dell'Associazione. L'artista attraverso l’arte riesce a liberare la fantasia a fondere elementi autobiografici con sensazioni nuove ed esaltanti. Nei suoi quadri c’e la sua espressione, colore e forma, un connubio esaltante e totale, con l'apporto suggestivo del disegno e dei simboli intuisce ed esalta la psicologia dei suoi lavori,connotati da una pennellata larga ed improvvisa,in cui il colore è elaborato in funzione dell'aria e della luce.
Francesca Nicolò
nasce a Reggio Calabria dove risiede e lavora. La sua infanzia la passa all’estero con la famiglia, dove frequenta le scuole francesi completa il percorso scolastico, fino al definitivo ritorno a Reggio C..
Dopo l’avvicendarsi di esperienze negative, attraverso la pittura ritrova la volontà a canalizzare le negatività in energia positiva, vitale e creatrice attraverso un “processo alchemico”, come lo definisce lei.
La forte curiosità unita al passione per la conoscenza portano l’artista a intraprendere varie percorsi di studio e sperimentazione, la ricerca della sua vita , “ l’identità artistica”.
Così decide di ampliare le tecniche pittoriche, frequenta per cinque anni la scuola artistica Libera Accademia di Reggio Calabria diretta dal pittore e professore Raffa.
L’esperienza all’interno dell’Accademia è stata altamente formativa oltre che nell’ambito della pittura, anche su stoffa, vetro, e lavorazione della ceramica , alla quale si è dedicata con grande interesse approfondendo in particolar modo la tecnica del polimaterico e pirografia.

Corrado Brancato
Orario di Apertura:
dal martedì alla domenica 17,30 - 20,30

Organizzazione e Direzione Artistica: Corrado Brancato

Addetto Stampa: Amedeo Nicotra

Ingresso Libero



Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

14 giugno, 2009

I PRINCIPI DELL'EBRAISMO




Mercoledì 17 giugno alle ore 18,30 presso i locali della Galleria Roma di Siracusa , il Prof. Stefano di Mauro rabbino capo della comunità ebraica di Siracusa, parlerà su:
I PRINCIPI DELL'EBRAISMO

Il prof. Di Mauro dopo aver tracciato una breve storia dell'ebraismo, parlerà dei principi dell'Ebraismo, degli oggetti liturgici e culturali più importanti della religione ebraica ( Menorah, Mezuzzah, kippah,Tallèd,Hanukkiah,Maghen David, ) parlerà quindi del principio fondamentale sul quale poggia la religione ebraica, cioè, la credenza in un solo Dio che - dopo avere creato il mondo - si è manifestato agli uomini attraverso una Rivelazione, tramandata per mezzo dei Libri Sacri .
Un altro principio fondamentale, strettamente collegato al primo, è quello dell'Alleanza tra Dio e il popolo ebraico. Attraverso l'Alleanza, che in origine Dio strinse con Abramo, il popolo ebraico si impegnò a riconoscere Dio, a sostenere il suo progetto e a rispettare le sue Leggi. È tramite l'accettazione di questo patto che gli ebrei si riconobbero come il "popolo eletto": ciò non significa che gli ebrei si aspettino di ricevere particolari privilegi da Dio, o che si sentano migliori degli altri popoli, bensì che ritengono di essere stati designati da Dio per testimoniare agli altri - attraverso l'esempio delle loro azioni - la presenza di Dio sulla terra.
Si discuterà inoltre delle problematiche sempre più attuali, specie in questo periodo, relative al rapporto tra l'Ebraismo e le altre religioni ed il pregiudizio antiebraico.

«Il pregiudizio antiebraico è una delle più antiche e persistenti manifestazioni di intolleranza, che ha assunto la forma del razzismo nell’epoca moderna. Manifestazione tra le più virulente ed emblematiche: poiché l’essenza del razzismo consiste nel passare dalla critica (o dall’esaltazione) di aspetti contingenti o legati a singoli individui a un giudizio generale su un intero popolo, esso ha trovato alimento nell’imponente eredità di pregiudizi antiebraici accumulatisi nel corso dei secoli. All’accusa di deicidio rivolta al popolo ebraico si è sostituita quella di voler dominare il mondo attraverso il denaro, fino alla demonizzazione dello Stato d’Israele. Oggi il conflitto medio-orientale rappresenta la forma contemporanea in cui si ripropone una questione ebraica tuttora irrisolta. Essa ci riguarda tutti, come pietra di paragone dell’intolleranza circolante nella società».

(tratto dalla copertina del volume di Giorgio Israel: La questione ebraica oggi. Ed. Il Mulino , 2002)


Organizzazione e Direzione: Corrado Brancato


Ingresso Libero


Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

09 giugno, 2009

AVIDA MORS




Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
AVIDA MORS
Il cimitero monumentale di Milano.
fotografie di Mario Di Salvo

13 - 23 giugno


Il cimitero monumentale di Milano rivisitato dagli scatti del fotografo megarese Mario Di Salvo alla ricerca dell’immortalità dell’anima da cogliere nei segni lasciati sulle soglie dell’estrema dimora in un luogo dalle architetture eclettiche divenuto un modello dell’arte funeraria italiana.

(Salvatore Zito per Galleria Roma)
________________________________________________

Dal 13 al 23 giugno presso i locali di Galleria Roma in via Maestranza 110 a Siracusa si terrà la mostra del fotografo Mario Di Salvo, autentico cultore dell’immagine bidimensionale intesa come pura espressione di un’arte, quella della fotografia, in eterno confronto con le arti convenzionali. Per questa ennesima conferma che trascina la fotografia a piena forza nella sublime spiritualità artistica Mario Di Salvo ha scelto, non per snobismo, un territorio mai battuto dalle tempeste fotografiche e dalle grandinate devastanti di scatti qualunque, egli ha scelto il territorio delle estreme dimore, ossia quella parte della terra dei vivi in cui ogni uomo lascia lì, per sempre, l’ultimo segno del suo passaggio terreno.
Di Salvo spiega così il suo lavoro: “Decine e decine di opere fantastiche si intrecciano all’interno di un luogo dove la tristezza, la poesia, la fede, il dolore e la muta rassegnazione si fondono l’una con l’altra fino a formare un indivisibile amalgama, fatto di sentimenti colti nella loro quintessenza”.
Si può cogliere infatti da questo lavoro d’artista, oltre all’evidente forza espressiva, il senso stesso di quest’arte, difficilmente individuabile tra i luoghi comuni che alla fotografia vengono solitamente attribuiti. La fotografia muove le leve dell’inconscio per mezzo dei propri autori con lo stile e l’efficacia che non vanno ricercati nell’eccezionalità dei soggetti ripresi ma, al contrario, vanno perseguiti nella quotidianità ripresa dalla mente dell’artista straordinario.
Il cimitero monumentale di Milano è stato così il punto di partenza per un percorso di tenera poesia e anche di emozionante ironia attraverso la reinvenzione fotografica di un luogo già di per sé severo.
“Mi è piaciuto indagare su come lo scorrere del tempo, gli agenti atmosferici o l’azione dell’uomo, abbiamo in parte modificato il significato originario delle architetture stesse. Il mio interesse si è focalizzato su come il continuo interagire tra le pietre, l’uomo e la natura abbia dato e continui a dare vita a nuove, involontarie performances visive, ben lontane da ciò che gli autori avevano immaginato al tempo della realizzazione delle opere”.
La prospettiva poetica di questo autore, apparentemente lontano da coinvolgimenti emotivi , evolve piuttosto verso un itinerario immaginario dove quel che più conta non sono solo i veri e propri soggetti, i luoghi o “nonluoghi” ripresi, bensì la loro natura di “segno” tra i segni, di medium tra i media.

Per i cultori della buona fotografia è certamente una mostra da non perdere.
La presentazione è di Salvatore Zito alle 18 e 30 di sabato 13 giugno prossimo.

08 giugno, 2009

” Per un’analisi geopolitica del voto europeo”



Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
per i giovedì della galleria
"Per un'analisi geopolitica del voto europeo"
a cura di:
Luigi Amato
11 giugno ore 18,30

Giovedì 11 Giugno alle ore 18.30 presso la galleria Roma il prof. Luigi Amato terrà la conferenza dal titolo ” Per un’analisi geopolitica del voto europeo”. A dati acquisiti delle elezioni europee il prof. Luigi Amato Docente di Estetica a Reggio Calabria e collaboratore della Rivista Italiana di Geopolitica Limes procederà ad un commento sul dato elettorale in una prospettiva geopolitica. Il dibattito si estenderà al ruolo della Sicilia in uno scenario di continuo mutamento dei punti di riferimento.
Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com

28 maggio, 2009

IN INFINITE CHIARITA'




Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
Salvo Sequenzia presenta
IN INFINITE CHIARITA'
personale di Salvatore Accolla
sabato 30 maggio ore 18,30


IN INFINITE CHIARITA'
Eleganza, austerità di colori, forme magiche ed affascinanti, sono le principali caratteristiche delle opere del pittore Salvatore Accolla.
Nella sua opera, vivida e tormentata si agita una "sostanza mediterranea", in cui il fuoco del demone meridiano si fonde con la luminosità del cielo e la brillantezza del mare, dando origine ad azzurri intensi ed eterni. Le terre e le pietre del luogo suggeriscono e nutrono forme e figure antiche e senza tempo: divinità, donne fertili, pietre marmoree, sabbia e fango, barche che solcano un mare "metafisico", nature morte e scorci di paesaggi che fanno da fondale a figure primitive, archetipi, e che raccontano frammenti di un sogno dove la memoria, sedotta da due fonti di ispirazione, evoca forme arcaiche e moderne, create magistralmente da questo geniale pittore. La materia, i colori, il segno - o la loro interazione con la tela - il semplice sfiorare del pigmento con la tela vergine, generano una forza che si manifesta nel prodotto finale della sua pittura.
Ottenere questa fusione, questa carica materica e visiva, è il risultato di esperienza, di sensibilità e di amore.
I quadri di Accolla si impongono per la forza dei contenuti e per la solidità della superficie pittorica, che si temperano con l’intensità poetica dei colori a rappresentare la sua visione del reale in una sintesi potente e personale.
Ampio è lo sguardo che l'artista posa sugli elementi, sui personaggi e su tutto lo spazio di cui egli celebra la grandezza, l’infinito, in una sorta di meditazione da cui la fascinazione del sogno e della visione non ne viene esclusa.
Gli esseri, il cosmo, la natura, gli elementi, i loro misteri, esercitano su Accolla un intenso fascino che stimola la sua immaginazione. Una visione che rispetta sempre l’essenzialità dei soggetti-pretesti. Soggetti-pretesti perché, per l’artista, l’atto del dipingere è ciò che conta sopra ogni cosa.
Lontano dall'anima di Accolla il narrare l'aneddoto, il ridurre la realtà a racconto. Ciò che preme all'artista è il linguaggio delle forme e la disposizione nello spazio di spiagge di colori tradotti in armonie tonali di grigi colorati, di marroni molto delicati, di blu teneri, il tutto illuminato dalla trasparenza dei bianchi, spesso ravvivati con note d’ocra, d’arancio o di rosso.
Senza clamori, come la vera arte sa fare, attraverso la sola forza della sua potenza di lavoro, ha fatto conoscere il suo stile molto personale: al limite tra l’astratto ed il figurativo. Egli privilegia il gioco delle materie e usa, in un secondo tempo, il pretesto della figurazione traendone, con talento, una sintesi armoniosa. Nonostante si possa definire il suo un naturalismo astratto e visivo, Accolla cerca soprattutto nei suoi soggetti, e nella visione, la fonte ed il pungolo della propria ispirazione.
Vive nel fondo dell'opera di Accolla una strana magia che rende percettibile ogni fenomeno del reale che il suo sguardo e la sua mente sanno cogliere.
La sua soggettività artistica, eccezionalmente raffinata, rivela con sincera spiritualità l’essenza delle cose., e ogni tela pare voglia gridare al mondo «...t'inseguo, luce, /nel folto di un tremore infinito / d'universi: mi porta un /sussurrare /vivo e chiaro, un soffio/ in cui ti sveli e mi confondi».
Salvo Sequenzia

25 maggio, 2009

Che cosa sei, uomo? In verità non ti conosco.




Giovedì 28 maggio alle ore 18,30 presso i locali della Galleria Roma di Siracusa , la professoressa Maria Teresa Asaro docente di filosofia presso il Liceo Classico "Tommaso Gargallo" di Siracusa , converserà su:
Che cosa sei, uomo?
In verità non ti conosco
.
So però che il significato di un uomo non va ricercato in ciò che egli raggiunge, ma in ciò che vorrebbe raggiungere. Come l’acqua, egli si adatta ai mutamenti della vita…l’uomo non è niente altro che quello che progetta di essere; non esiste che nella misura in cui si realizza; non è dunque niente altro che l’insieme dei suoi atti, niente altro che la sua vita.
Ciò di cui io ho veramente bisogno è di chiarire nella mia mente ciò che devo fare, non ciò che devo conoscere, pur considerando che il conoscere deve precedere ogni azione. La cosa importante è capire a cosa sono destinato…il punto è trovare la verità che è vera per me, trovare l’idea per la quale sono pronto a vivere e morire.
Stabilisci le tue priorità: il resto è solo sabbia…
Vita, morte, morale, amore, dolore…riflessioni filosofiche tra ‘800 e ‘900.

21 maggio, 2009

Poesie d'Amore



Palazzo Impellizzeri
via Maestranza 99 Siracusa
Poesie d'Amore
versi di poeti contemporanei

giovedì 21 maggio ore 18,30
Oggetto: Recital Poesie
Titolo: "Poesie d'Amore " versi di poeti contemporanei
Relatore: Salvatore Sequenzia
Presentazione: Nuccio Baffo
Luogo: Palazzo Impellizzeri via Maestranza 99 Siracusa
Data: 21 maggio 2009 Ore: 18,30
Organizzazione: Amedeo Nicotra
Regia: Salvatore Zito
Voci Recitanti: Marika Cassone- Enrico Bongiovanni
Pianoforte: Umberto Riera
Singers: Salvatore Zito - Salvo Bianca - Federica Pistritto - Anna Polizzi
Luci E Suoni: Pippo Bongiovanni
Segreteria: Aretusa Rovella
Riprese video: Salvo Trommino
Addetto Stampa: Concetto Gilè

Direzione: Corrado Brancato

Ingresso Libero

Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com
www.galleriaroma.it

L’incanto della Poesia

“Credo che la poesia abbia un gran ruolo nel cambiamento delle società, non è un ruolo pratico, nel senso che non è la poesia che cambierà il mondo, ma può aiutare l’essere umano a trovare le strade giuste per farlo.” -
Adonis (Qassabīn, Siria, 1930) è un poeta e saggista di origine siriana ma di cittadinanza libanese.__
L’edizione di “Poesia d’amore” di quest’anno, siamo giunti alla quarta manifestazione, lascia la piccola saletta di Galleria Roma, divenuta troppo stretta per contenere poeti e pubblico, per trasferirsi a Palazzo Impellizzeri, due passi più in là sulla stessa via Maestranza, due passi avanti anche per il successo di questo evento. Galleria Roma continua il suo cammino anche lungo la strada della poesia, raccogliendo via via compagni di viaggio sempre più numerosi. Come la melodia incantata del flauto magico (nel nostro caso l’incantatore è l’amico Amedeo Nicotra), la poesia rapisce e cattura chi, anche solo un poco, apre il suo cuore alla musica delle parole.
Le parole ed il silenzio, il bianco ed il nero, ciò che è vero e ciò che è falso, ciò che semplicemente è e ciò che non è perché non esiste. La poesia restituisce niveo e intatto il senso dei sentimenti che fluiscono attraverso il linguaggio scritto, stabilisce attraverso il senso delle parole il contatto tra esseri umani, nessuno escluso, misurando con sconcertante precisione il rapporto dell’uomo con la vita e il proprio divenire.
Gli artisti di Galleria Roma lanciano anche quest’anno, ancora una volta, il loro richiamo ai poeti per l’adunata di un esercito armato solo della forza delle parole contro il potente nemico della futilità e della volgarità come ci ha insegnato Montale.
Nella sala delle conferenze di Palazzo Impellizzeri si celebrerà quindi il rito della poesia: le luci si spegneranno, il vocio si placherà, si ascolterà il silenzio e poi le note di una melodia riempiranno il buio e accompagneranno fianco a fianco il suono delle parole che, una dietro l’altra, come gocce di una fresca pioggia d’estate cadranno sulla polvere che rende opaco il mondo, laveranno i nostri cuori se solo lasceremo che il senso della poesia ci pervada.

Salvatore Zito
Presidente dell’Associazione Culturale
Nuova Galleria Roma

17 maggio, 2009

NUOVI SPAZI DELL’INCONSCIO






NUOVI SPAZI DELL’INCONSCIO:
INTRECCIO DI SURREALISMO E METAFISICA
IN UN LIRISMO SOSPESO TRA SOGNO E MAGIA
Mostra personale di Virginia Garofalo
dal 16 al 26 maggio
Per definire la produzione artistica di Virginia Garofalo bastano tre parole: surrealismo, metafisica e poetica del colore. Ci si trova immersi in un dedalo di immagini e simboli, creati e accostati per dar vita a nuove e suggestive alchimie visive. Porte aperte su altre dimensioni, sinuosi corpi di donna, nostalgici paesaggi, rappresentazioni oniriche affiorano sulle due dimensioni della tela, sfondando lo spazio conosciuto ed introducendo la terza dimensione dell’irrealtà e del sogno, luogo dove tutto è possibile. Ed ecco che l’artista assume quasi la valenza del demiurgo platonico che crea un nuovo mondo, un mondo lirico, dando vita ad emozioni ed impressioni che emergono dai caldi accostamenti cromatici dei dipinti. In tal modo la Garofalo, estrapolando le immagini dai toni dell’inconscio e delle pulsioni, le spinge in superficie con una carica emotiva che giunge al coinvolgimento della mente. Fascino e poesia s’intessono nelle vibranti emozioni della sua arte, in cui sono affidati ai segni e ai colori stati d’animo intensi, che trasmettono al fruitore un messaggio ricco di spontanea immediatezza…perché, sottolinea S. Freud, “un’opera d’arte è importante per ciò che rappresenta; ma ciò che essa rappresenta è più importante di quello che essa è”.

Maria Teresa Asaro

10 maggio, 2009

ASTROLOGIA E RELIGIONE




Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
Astrologia e Religione
conversazione di
Andrea Italia
mercoledì 13 maggio ore 18,30

Mercoledì 13 maggio alle ore 18,30 presso i locali della Galleria Roma di Siracusa , Andrea Italia studioso di scienze umanistiche, parlerà di:
ASTROLOGIA E RELIGIONE .
L’astrologia si è sempre fusa con la religione anche perché l’antico uomo che, sollevando il capo, contemplava il Sole e la Luna, i fenomeni atmosferici e il cielo stellato, stabiliva un rapporto istintivo tra l’alto, indipendente dalla sua volontà, e il basso, sul quale esercitava una relativa influenza e dominazione. Sicché fu spontaneo che l’alto divenisse per lui un attributo della divinità.

Andrea Italia inizierà la conversazione parlando dei concetti a volte poco familiari alla massa quali lo Zodiaco, gli Assi, i Segni ed altro e soprattutto circa la "Ratio" che si cela dietro tali Meccanismi. Quindi passerà all'indagine dei legami e delle connessioni tra Astrologia e Religione ed in senso più vasto tra vita e religione, allargando la conversazione ai concetti di religioni e filosofie orientali, importanti ai fini di una più completa comprensione del nesso esistente tra Astrologia, e quindi vita, e Religione .