28 settembre, 2008

"Galleria Roma" Arte ed Eventi a Siracusa: ARTINSIEME

"Galleria Roma" Arte ed Eventi a Siracusa: ARTINSIEME

ARTINSIEME


Galleria Roma
via Maestranza 110
Siracusa
Il 4 ottobre 2008
la Galleria Roma partecipa alla
QUARTA GIORNATA DEL CONTEMPORANEO
assieme ai Musei AMACI e 800 luoghi d'arte contemporanea aperti gratuitamente in tutta Italia

"ARTINSIEME "
20 artisti a confrontocollettiva d'arte aperta a forme d'arte pittorica, scultorea.Amore per il bello, ricerca e creatività. Questi sono gli elementi che ispirano la mostra "Artinsieme" collettiva dei soci dell'Associazione Culturale Nuova Galleria Roma. Si esibiscono ben 20 artisti, soci gia' affermati e giovani promesse, uniti tutti da un'unica ardente passione e dalla voglia di confrontarsi, conoscersi ed arricchirsi di nuove esperienze, con molta semplicità i grandi e con tanto rispetto le nuove leve.I pittori e scultori che esporranno le loro opere sono:
Alessi Laura, Azzaro Antonino, Bialecka Anna, Carbonaro Antonella, Cascieri Fiorella, Czogala Grazyna, Cristina Claudio,Elia Aurelio, Floriddia Angela, Floriddia Francesco, Gulino Maria Teresa, Implatini Teresa, Leanza Marisa,Li Puma Salvatore, Matera Angela, Morale Corrado, Nicotra Valentina,Nobile Francesca, Sanfilippo Elisabetta, Scarnato Benito.
Info:
0931/746931
0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com
galleriaroma@alice.it
http://www.galleriaroma.it/

VITTORINI & QUASIMODO

Galleria Roma
via Maestranza 110
www.galleriaroma.it

VITTORINI & QUASIMODO, questo il tema della conferenza che il giornalista editore Corrado Cartia terrà giovedì 2 ottobre alle ore 18,30 presso la Galleria Roma in via Maestranza 110.

Cartia s’intratterà sulle storiche coincidenze delle due famiglie che hanno dato i natali al Premio Nobel per la Poesia (Salvatore Quasimodo) e al grande innovatore -scrittore della cultura del ‘900 ( Elio Vittorini). Ma le coincidenze letterarie portano a un altro tipo di coincidenza, tanto da fare ipotizzare una possibile “società” contraddistinta dalla tradizionale “ &”, ovvero la “ e letteraria” già in uso come commerciale.
D’altra parte, Corrado Cartia, non è nuovo a tali trovate editoriali avendo inaugurato a Roma la collana de “Il Blocchetto” nel 1975 con “Novecento letto & erario” di Ruggero Jacobbi . Inoltre Corrado Cartia tratterà anche alcuni aspetti poco trattati intorno alla famiglia Vittorini.

23 settembre, 2008

19 settembre, 2008

I giovedì della galleria

Galleria Roma
via Maestranza 110
Siracusa
Per "I giovedì della Galleria"
giorno 25 settembre alle ore 18,30 Umberto Garro parler5à delle
Edicole Votive di Siracusa

15 settembre, 2008

"Galleria Roma" Arte ed Eventi a Siracusa: Prove di Colore

"Galleria Roma" Arte ed Eventi a Siracusa: Prove di Colore

Prove di Colore

Galleria Roma
via Maestranza 110
dal 20 al 30 settembre 2008

Prove di colore
Acquarelli di Grazyna Czogala

Nata in Polonia, laurea in Educazione Artistica all'Università di Slesia, Grazyna Czogala sposa un Siracusano e si trasferisce in Sicilia. Altra laurea all'Accademia di Belle Arti Rosario Gagliardi, scrive di Balthus e dedica le sue tele al paesaggio marino di Siracusa e dintorni.
È così che il suo percorso formativo, fin’ora rivolto all'encausto e tempera all'uovo, all'olio, all’acrilico e al mosaico, rinasce con l’acquarello e guarda J. M. W. Turner, grande e irraggiungibile Maestro.
Rinasce il tratto sotto la mano, in un luogo e un tempo ormai altri.
Rinasce il segno dell’artista, in pulsioni e visioni oggi diverse.
La sfida dell'acquarello è scelta di colore e leggerezza, è volontà di un esito vaporoso e semplice, è strumento idoneo al carattere ora intenso, ora ricco e dai forti contrasti cromatici del paesaggio di Sicilia, è apertura vivace al nuovo anche nelle tinte della tavolozza: il sud ispira e chiede luce, tono, raffigurazione di stupore – induce ad uno slancio fino a qui non ancora avvertito, in Polonia affatto necessario. Altra la terra che accoglie, altro il cuore che la respira.
La sfida del paesaggio è scelta di distacco da precedenti astratti, è omaggio alla terra, è anima estetica, è plauso ad una natura che non si vuole imitare ma cogliere nel senso, carpire nell’intimo, sentire nell’animo. È tentativo di fissare il travolgere d’ispirazioni, è occhio che penetra l’intorno e se ne lascia penetrare, occhio che vede e sente senza porre resistenze; mano che afferra, tratteggia e ricompone.
Pare di tornare ad un epoca lontana, quando dall’Europa il viaggiatore partiva alla volta dell’Italia, per capire e apprendere – era il Grand Tour. Oggi, come allora, diversi i segni ma non diversi i sentimenti, la nostra terra si lascia assaporare e leggere, si offre a chi la guarda con ammirazione umile, incanta e si lascia interpretare.
Questo mi dice Grazyna Czogala con la sua opera.
“Prove di colore” è la percezione, in ogni acquarello, di una natura che è un sentimento.


Costanza Messina
Direttore Artistico
Festival del Paesaggio

11 settembre, 2008

Grazyna Czogala


Galleria Roma
Via Maestranza 110
Siracusa
Grazyna Czogala
"Acquarelli"
20-30 settembre

07 settembre, 2008

Alta Tensione


Galleria Roma
via Maestranza 110

Costanza Messina presenta
ALTA TENSIONE
fotografie di Vincenzo Medica

6 Settembre 2008

terra campo elettromagnetico natura fonti atmosfera sole progresso tecnologia attività uomo inquinamento linee elettrodotto attrezzature antenne trasmittenti ponti radio emittenti televisione cellulari apparecchi casa città impianti antenne opinione pubblica effetti rischio individuo livello frequenza esposizione collocazione sorgente tempo salute termine acqua trasformatori corrente organismo intensità soglia sicurezza ricerca prova pericolo risposta limiti nesso Insorgenza

ALTA TENSIONE è occhio d’artista che guarda al presente senza cadere nel consenso silente a ciò che non va. Il nostro paesaggio [nel mondo in Europa in Italia in Sicilia davanti quasi ogni casa], rurale o urbano che sia, è sempre più abbrutito, troppo spesso avvilito, da interferenze visive sonore mentali, disturbi al senso etico/estetico del vivere.
Di energia oggi si fa un gran parlare, sull’indipendenza energetica ci si da un gran da fare – ma indipendenza di denari o persone? Quanto siamo liberi di scegliere? Quanto siamo liberi di sapere? Nell’intricarsi di cavi fili antenne, nell’aggrovigliarsi di leggi profitti silenzi, quali effetti si hanno veramente sulla salute psicofisica delle persone? A che rischi e che prezzi giochiamo? Chi e come disegna la cornice in cui si muove la nostra vita? Fin quanto si possono estendere sguardo sviluppo salute senza intralcio?
pericolo di folgorazione è voce d’artista che trasmette dichiara ammonisce denuncia reclama. Coglie un problema e lo fa protagonista. Cava dal grigio la nota di colore. Interpreta il reale maneggiando l’interferenza trasformando l’elemento che disturba sperimentando percezioni diverse e nuove opzioni.
In questa mostra di Vincenzo Medica, l’elettrosmog è un problema che parla da sé: ambiente d’incroci e passaggi materiali e idee visibili e non visibili energie. Che sia un orizzonte o uno scorcio, il genio segna il suo tratto – trasmettitori cavi tralicci (il progresso) / rosso giallo nero (l’artista) – per raggiungere e comunicare per connettere e condividere per produrre esistenze e profitti / per rappresentare emozioni generare energie leggere reinterpretare il reale – e lo skyline di luogo in luogo diventa altro: ora tratteggiato ora attraversato ora infranto ora nascosto / ed il dettaglio di una foto – luce oggetto tono prospettiva – è rimasticazione vitale è connessione futuribile è tensione e folgorazione di energie visioni possibilità. È voler affrontare un problema e farne una chance.

Costanza Messina
Direttore Artistico Festival del Paesaggio

02 settembre, 2008

Alta tensione


Galleria Roma
via Maestranza 110
Costanza Messina
presenta
ALTA TENSIONE

fotografie di Vincenzo Medica
6-16 Settembre 2008

Per Vincenzo Medica fotografare è condivisione di sensazioni è analizzare con lo sguardo di chi propone la realtà in un modo nuovo, di chi coglie l'attimo rendendolo eterno. E' recepire le energie emanate dai luoghi per trasmetterle all’osservatore.Alta tensione è la metafora dell’energia elettrica come forza vitale .Corrente tra i cavi, come sangue nelle vene. Generatori di energia come cuori pulsanti che incarnano l’assenza metafisica dell’uomo. Ci conduce tra grovigli di tralicci e grate di inferriate che scalano il cielo, in un'ascesa di sereni silenzi e di emozioni. Il rischio di folgorazione è un monito che irrompe all’improvviso, che rompe l'incanto per ricordarci la transitorietà. Una nuvola nera subito spazzata via dai colori. Cieli saturi d’amore esaltano una nuova estetica. Il rosso e il giallo, a stento contenuti all’interno della tela, sembrano andare oltre, attraversarci, ricaricandoci di energia, illuminando lo spazio attorno a noi. Le tonalità fredde ci avvolgono come un sonno rigenerante,accompagnano i nostri sogni sulle nuvole. Colori che fanno da sfondo, prevaricano, si scontrano, si armonizzano con l’immagine, fino a contenerla. Colori che raccontano l’uomo, che gridano la passione per la vita.
Salvatore Castellino
Vincenzo Medica